Veronica Costanza Ward

Veronica Costanza nasce nel 1974. Padre afroamericano e madre emiliana, ha fatto studi classici per poi laurearsi in Economia all’Università Bocconi di Milano.

Dopo un periodo a Chicago, città paterna, ha iniziato a collaborare con Beppe Severgnini e la sua rubrica Italians, in particolare ha curato il Concorso letterario del Corriere della Sera “20022002, un giorno palindromo”, con l’Economist, per approdare alla TV del Sole 24 ore e poi al Il Foglio quotidiano, alla redazione esteri.

Dopo la nascita della figlia è tornata nella città materna, Reggio Emilia, dove ha lavorato per sette anni come Investor Relator per il Credito Emiliano fino a al 2011.

Scrive, e ama, poesia, dall’età di diciassette anni ma ha sempre tenuto i suoi versi nel cassetto.

Maurizio Cucchi scopre i suoi versi durante un laboratorio di poesia durante il Festival della Poesia Europea, nel 2011. La consiglia, la incoraggia a lavorarci su.

Prima la sua poesia è diventata installazione e mostra.

Esordisce nel 2012 con Le identità Involontarie (LietoColle).

Nessun commento presente.

Nessun trackback