Il WWF Martina Franca e la Cooperativa Serapia, in collaborazione con Fucine Letterarie, e con il Patrocinio del Comune di Martina Franca, presentano il workshop ‘Lupus in Fabula. Convivere con il Lupo nella Murgia di Sud-Est’, Venerdì 20 Febbraio 2015 alle 17.30 presso la Biblioteca Comunale nel Palazzo Ducale a Martina Franca.

Lupus in Fabula, organizzato con la Supervisione Scientifica del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari, nasce come necessaria risposta al fenomeno che sta interessando in maniera sempre maggiormente crescente il territorio della Murgia Sud-Orientale, con particolare riferimento alle zone boschive di Martina Franca: la presenza del Lupo.

Il Dott. Flavio Bruno, il Dott. Lorenzo Gaudiano, il Commisario Capo Dott. Giovanni Notarnicolae l’assistente Giuseppe Geronimo dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Martina Franca, la Dott.ssa Valeria Salvatori e il Dott. Rocco Sorino si alterneranno per sviluppare svariati temi – dall’ecologia e distribuzione del Lupo in Puglia all’importanza del monitoraggio della specie, dalla conoscenza delle strategie e tecniche di prevenzione dei danni al patrimonio zootecnico – e tentare di fare chiarezza su un fenomeno che sta procurando non pochi allarmismi nel territorio murgese.

Obiettivo principale del workshop è, infatti, informare e sfatare falsi miti legati alla figura del Lupo, considerando da una parte la necessità di conservare una specie particolarmente protetta da Direttive Comunitarie e Legislazione Nazionale e dall’altra l’esigenza di tutelare gli allevatori e i loro capi di bestiame.

Nell’occasione sarà inoltre possibile visitare all’interno di Palazzo Ducale, nella Pinacoteca del Corridoio D’Avalos, la Mostra Documentaria MEDWOLF: le migliori pratiche di conservazione del lupo nelle aree mediterranee, realizzata nell’ambito del Progetto LIFE Medwolf con l’intento di far conoscere la specie, le sue caratteristiche, l’organizzazione sociale e la sua distribuzione in Europa, nonché di informare circa le problematiche ad esso associate e le soluzioni gestionali che possono essere messe in atto per convivere con il Lupo.

La mostra avrà i seguenti orari di apertura: SABATO 21  e DOMENICA 22 Febbraio 2015 (mattina ore 10.00 – 12.00; sera ore 17.00 – 19.00).

 

Per Info:

WWF Martina Franca

 +39 3206067922 

martinafranca@wwf.it

Il Programma

 

Venerdì 20 Febbraio 2015 – ore 17.30

Biblioteca Comunale

Palazzo Ducale – Martina Franca

 

 

Saluti di Benvenuto dell’Amministrazione Comunale

Status delle conoscenze del Lupo in Puglia

Dott. Lorenzo Gaudiano – Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari

 

Il Lupo nel territorio di Martina Franca

Comm. C. Dott. Giovanni Notarnicola –  Ass. Giuseppe Geronimo

Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Martina Franca

Tecniche e strategie per la prevenzione dei danni al patrimonio zootecnico da parte del Lupo

Dott. Rocco Sorino –  Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari

Conflitti tra Lupo e zootecnia in Provincia di Grosseto e il contributo del Progetto LIFE MEDWOLF

Dott.ssa Valeria Salvatori  –  Istituto di Ecologia Applicata di Roma

 

Dei cani da guardiania. I cani mastini custodi di mandrie

Dott. Flavio Bruno – Allevatore di Cani  Corso e Mastini Abruzzesi

Interverranno:

–          Associazione Regionale Allevatori della Puglia

–          Confederazione Italiana Agricoltori

 

I Relatori

Dott. Flavio Bruno, medico veterinario, studioso di zootecnica, zoognostica e molossoidi; è considerato uno dei massimi esperti internazionali di cinotecnica e di Cane Corso. Ha fondato e dirige  Il Contado del Molise, Centro per la selezione funzionale delle antiche razze da lavoro italiane con sede a Santa Croce di Magliano, incentrando il suo lavoro sulla riscoperta delle cosiddette razze italiane (Cane Corso, Mastino Abruzzese, Mastino Fonnese Levriero Italiano, Volpino Italiano) e sullo studio del comportamento e delle abitudini degli animali nel loro habitat naturale.

Dott. Lorenzo Gaudiano, biologo faunista, ha incentrato nell’ultimo quinquennio la propria attività di ricerca nello studio dei mammiferi ungulati e carnivori. Ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Evoluzionistiche ed Ambientali, con un lavoro condotto sul capriolo italico nel Parco Nazionale del Gargano, progetto che lo vede tutt’ora coinvolto. Membro fondatore del Centro Ricerche per la Biodiversità (del quale ha assolto alla carica di Presidente dal 2011 al 2013), attualmente è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari ed è impegnato in progetti di monitoraggio del lupo e del cinghiale nei Parchi Nazionali dell’Alta Murgia e del Gargano e in altre aree protette della Regione Puglia.

Assistente Giuseppe Geronimo, Assistente del Corpo Forestale dello Stato, responsabile delle attività di monitoraggio della fauna svolte dal CFS nelle Riserve Naturali Stornara e Murge Orientali.

Commisario Capo Dott. Giovanni Notarnicola, Commissario Capo del Corpo Forestale dello Stato, Laureato in Scienze Forestali e Ambientali, dottore di ricerca in Ingegneria del Territorio e dell’ambiente agro-forestale, dall’anno 2014 capo dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Martina Franca, ente gestore delle Riserve Naturali Statali “Stornara”, “San Cataldo”, “Murge Orientali” e della Scuola di equitazione del CFS – Centro di selezione del cavallo murgese “Galeone” in Martina Franca.

Dott.ssa Valeria Salvatori, biologa, esperta in materia di conservazione dei grandi carnivori, membro della Iniziativa Grandi Carnivori Europei della IUCN. Ha condotto come project manager progetti volti alla mitigazione del conflitto con i grandi carnivori coinvolgendo diversi gruppi di interesse sia in Italia che all’estero.

Dott. Rocco Sorino, naturalista, esperto in conservazione e gestione della fauna selvatica, con particolare riferimento agli ungulati selvatici, carnivori e uccelli tipici dei sistemi agro-pastorali; le sue ricerche comprendono argomenti legati allo studio delle interazioni tra fauna selvatica e attività antropiche: inoltre, è considerato esperto  nelle applicazioni di tecniche di prevenzione e mitigazione danni al patrimonio agro-pastorale da parte del cinghiale e lupo. Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari e membro del Centro Ricerche per la Biodiversità, attualmente è impegnato in attività di ricerca e monitoraggio del lupo e cinghiale nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia, del Gargano e nella Riserva Statale Naturale Stornara. Da circa 10 anni alleva nelle murge di sud-est la pecora Gentile di Puglia e il pastore abruzzese, utilizzato come cane da guardiania.