Scuola Pound – Scuola di alta formazione poetica – Giuseppe Conte e Michelangelo Zizzi- II edizione – VI Modulo

 

Fucine Letterarie presenta il VI Modulo della II Edizione di Scuola Pound, che si svolgerà Sabato 19 e Domenica 20 Novembre 2016 presso l’Albergo Diffuso Rococò, sito in via Ignazio Ciaia n.18 a Martina Franca, che vedrà come docenti i poeti Giuseppe Conte e Michelangelo Zizzi.

Locandina

Scuola Pound è la migliore scuola di alta formazione di scrittura poetica italiana, poiché, se non è possibile insegnare a scrivere poesia, è però possibile riconoscere i massimi attori che la incarnano, conoscerli di persona, dialogare con loro e capire come crescere in un mondo che, oltre al talento, richiede conoscenza e competenze specifiche.

Scuola Pound si propone di far crollare ogni provincialismo poetico e far acquisire professionalità; trasmettere la storia della lingua poetica italiana, affinché si produca un proprio laboratorio-fucina di lingua sincronizzata col tempo in cui scrive; avvicinare gli autori alla lettura della poesia oltre le letture qualunquistiche di Neruda e Hikmet; permettere a ogni autore effettivamente valido di arrivare a una pubblicazione prestigiosa ed entrare nell’apprezzamento critico della grande poesia italiana.

Inoltre, gli allievi della Scuola Pound avranno la possibilità di vincere il Premio Pound, che consiste in tre pubblicazioni in palio completamente gratuite con Editori di livello nazionale.

Scuola Pound ha la durata di 10 mesi, per un monte-ore complessivo di 108, e vanta come docenti i massimi poeti italiani. Al termine dell’ultimo Modulo verranno consegnati gli attestati di frequenza e proclamati i vincitori del Premio Pound.

I docenti sono i massimi poeti italiani: Franco Arminio, Franco Buffoni, Tiziana Cera Rosco, Giuseppe Conte,  Maurizio Cucchi, Milo De Angelis, Andrea Inglese, Andrea Leone, Valerio Magrelli, Mario Santagostini, Carla Saracino e Michelangelo Zizzi.

Scuola Pound è aperta anche a eventuali uditori, previa necessaria prenotazione.

Il programma del VI Modulo:

19-20 Novembre 2016

Michelangelo Zizzi: L’antro degli angeli: laboratorio

Giuseppe Conte: Poesia e Mito

I Docenti:


Giuseppe Conte

(Imperia 1945) è pthoeta e scrittore. Ha pubblicato raccolte di poesia, saggi e romanzi, incentrati sui temi della natura, dell’eros, del mito. Tra le raccolte di poesia, L’Oceano e il Ragazzo (BUR 1983, TEA 2002) che fu salutato da Italo Calvino e Pietro Citati come un libro di rinnovamento della poesia italiana, subito tradotto in America e in Francia, dove ha vinto il Premio Nelly-Sachs, Le stagioni (BUR 1988), Premio Montale, Ferite e rifioriture (Mondadori 2006), Premio Viareggio, e Poesie 1983-2015 (Oscar Mondadori) che raccoglie tutta la sua produzione. Il suo primo romanzo, Primavera incendiata (Feltrinelli) esce nel 1980. Seguono altri romanzi, editi da Rizzoli, tra cui Fedeli d’amore e L’impero e l’incanto, e da Longanesi, Il ragazzo che parla col sole, Il terzo ufficiale, Premio Hemingway, La casa delle onde, Selezione premio Strega, L’adultera, Premio Manzoni per il miglior romanzo storico dell’anno, Il male veniva dal mare. Tra i suoi saggi, Terre del mito (Mondadori 1990, Longanesi 2009), e Lettera ai disperati sulla primavera (Ponte alle Grazie). Ha scritto anche libretti d’opera, testi teatrali, tra cui Ungaretti fa l’amore (Quaderni dell’Ariston 2000), Nausicaa, L
e roy Arthur et le
sans logis. Ha tradotto Blake, Shelley, Whitman e D.H. Lawrence. È autore anche di due monumentali antologie: La lirica d’Occidente, e La poesia del mondo. È stato a lungo direttore di collana e consulente presso un grande gruppo editoriale. Ha collaborato come autore e presente in video a programmi di RAI2 e RAI1, tra cui L’altra edicola, Uno mattina, CasaRAI1 e La poesia incontra. Scrive come editorialista sul Secolo XIX e come critico letterario sul Giornale. Nel 2015 ha ricevuto in Ungheria insieme a Charles Bernstein il Premio Janus Pannonius, considerato dal New York Times il più importante premio riservato solo alla poesia al mondo. Ha tenuto reading e conferenze in 33 paesi in Europa, Africa, Asia e nelle Americhe. Sue opere sono tradotte in francese, inglese, russo, greco, ceco, ungherese, gaelico e arabo. Ha abitato a lungo a Nizza, ora vive a Sanremo, dove al mattino scende di solito a fare colazione in riva al mare e pensa a nuove poesie e a un nuovo romanzo da scrivere.

Michelangelo Zizzi

è laureato in FiMichelangelo Zizzilosofia e Medicina ed è fondatore e direttore di Fucine Letterarie. È inoltre fondatore di Scuola Pound, scuola di alta formazione poetica, e ha inventato il metodo di dinamica autopoietica ‘Sol Sol’, che consiste nella dissoluzione dei principi psico-proiettivi e nella coagulazione degli elementi immaginativi e fonetici della produzione poetica.

Ha pubblicato in poesia:  La casa cantoniera (ne La Collana di Maurizio Cucchi, Stampa 2001); La primavera ermetica (Manni 2002); Del sangue occidentale (LietoColle 2005), La Resistenza dell’Impero (LietoColle 2016). In prosa romanzi con eteronimi.

In saggistica Il Sud e la Luna. Per una geografia dell’immaginario in Vittorio Bodini (Levante 1999); Autoritratto con monade. Fenomenologia della poesia in Girolamo Comi (Multimedia Pensa 2000); L’orfismo in Comi (Multimedia Pensa 2002); ha curato: La sposa Barocca (LietoColle 2010), A Sud del Sud dei Santi (LietoColle 2013).

Per info e prenotazioni:

+39 3496712549

www.fucineletterarie.it
fucineletterarie@gmail.com