Franco Loi nasce a Genova nel 1930. Collaboratore Mondadori (1960-1983); dal 1987 scrive per l’inserto culturale de Il Sole-24 Ore. È considerato il massimo poeta vivente in lingua dialettale.

Ha esordito in poesia con I cart (Edizioni Trentadue 1973) e Stròlegh (Einaudi 1975). Tra la trentina di libri di poesia finora pubblicati vanno ricordati: Teater (Einaudi 1978), L’aria (Einaudi 1981), Bach (Scheiwiller 1986), Liber (Garzanti 1988), Umber (Manni 1993), L’angel (Mondadori 1994), Isman (Einaudi 2002), Aria de la memoria (Einaudi 2005), Angel de aria (Aragno 2011), Lader de diu (Giuliano Ladolfi Editori 2013).

In prosa: Diario breve (Nuova Compagnia Editrice 1995); Milano (Unicopli 2003), L’ampiezza del cielo (I.M. Gallino 2011), Il pensiero dominante (Garzanti 2011).

È stato tradotto in diversi paesi d’Europa e Asia, in Brasile e Venezuela e negli Stati Uniti.